XAVI PASCUAL E LA DINAMO BUCAREST

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’EHF il 4 agosto 2022.

Ingaggiare Xavi Pascual come nuovo allenatore all’inizio della stagione 2021/22 è stato un grande colpo per il CS Dinamo Bucuresti, dato che l’allenatore spagnolo era appena uscito da una stagione impeccabile nella EHF Champions League Men con il Barça, vincendo il titolo dopo 20 vittorie consecutive.

La Dinamo non è arrivata agli spareggi, ma è sempre stata una sfida da portare a termine dalla prima stagione in carica. Ora, con un sacco di nuovi giocatori esperti, Pascual e i campioni rumeni sono pronti a fare scalpore nella competizione europea premium.

Fatti principali:

  • questa sarà la seconda stagione per l’allenatore spagnolo Xavi Pascual alla Dinamo, che ha inaugurato una nuova era per i campioni di Romania;
  • la Dinamo avrà in rosa tre ex vincitori della EHF Champions League: i giocatori di linea Cédric Sorhaindo e Mamdouh Shebib e il terzino sinistro Ali Zein, arrivato quest’estate dal Barça;
  • da quando è stato introdotto l’attuale formato della competizione, la Dinamo non è mai passata alla fase a eliminazione diretta, ma sta arrivando con grandi ambizioni;
  • la squadra rumena ha perso il capocannoniere della scorsa stagione, il terzino sinistro Raul Nantes Campos, che ha segnato 78 reti.

Domanda più importante: come sarà la Dinamo nel secondo anno del loro nuovo progetto sportivo?

La EHF Champions League non è una competizione facile per cominciare, quindi le squadre non possono sigillare il successo dall’oggi al domani, ma piuttosto andare nel modo più duro, con una pianificazione meticolosa, soprattutto a lungo termine.

È qui che la mentalità rumena avrebbe potuto scontrarsi con i pensieri di Xavi Pascual, quando l’estate scorsa l’allenatore spagnolo ha preso il posto della Dinamo Bucuresti. Tuttavia, la Dinamo ha abbracciato pienamente il processo e la squadra sta iniziando a guardare sempre meglio, con giocatori più esperti che vengono in primo piano proprio nei punti deboli della squadra.

Certo, Pascual non avrà superstar in ogni posizione in campo come ha fatto al Barça, ma ha davvero fatto dei colpi di mercato in questa stagione, inaugurando nuovi talenti sulla linea di fondo, con Ali Zein e Stanislav Kasparek che hanno firmato per la Dinamo .

Il reparto portieri era già assicurato dalla scorsa stagione, le ali sulla carta stanno meglio, forma fisica e resistenza saranno in qualche modo messe in discussione in una stagione molto difficile, con molti veterani stagionati come Eduardo Gurbindo, Cedric Sorhaindo o Valentin Ghionea che costituiscono il fulcro della squadra.

La mancanza di profondità della Dinamo è stata la loro rovina la scorsa stagione, quando hanno saltato la qualificazione agli spareggi di soli due punti, ma la vittoria contro il Lomza Industria Kielce nella loro prima partita della stagione è stata solo una prova di quanto potrebbe essere brava la squadra rumena .

Di fronte a tre delle quattro squadre qualificate per la EHF FINAL4, la Dinamo ha vinto contro due di loro, Kielce e Telekom Veszprém HC, quindi sarà interessante vedere come saranno i campioni di Romania nel secondo anno di Pascual in testa alla squadra.

Sotto i riflettori: Ali Zein

Zein è diventato solo il secondo giocatore egiziano ad assicurarsi il trofeo EHF Champions League Men, dopo il suo compagno di squadra, Mohamed Mamdouh Shebib, che lo aveva già vinto con il Montpellier nel 2018. Zein aveva bisogno di una nuova sfida, nonostante fosse uno dei giocatori più amati nel Barça.

La sua mancanza di tempo giocato in attacco è stata una delle ragioni principali per cui Zein ha cercato una nuova sfida, che lo ha visto molto richiesto sul mercato. La prospettiva di lavorare con Pascual era troppo buona per essere rifiutata dal terzino sinistro egiziano; Zein, che ha segnato 12 gol nella stagione precedente, si lancia in una nuova sfida con la sua seconda stagione nella massima competizione europea.

Come si valutano

La Dinamo si considera una delle migliori 12 squadre della competizione. La scorsa stagione, i campioni di Romania non sono riusciti a passare agli spareggi, finendo al settimo posto nel girone, a soli due punti dall’SG Flensburg-Handewitt.

Tuttavia, la Dinamo ha un anno alle spalle con Xavi Pascual come allenatore, ha inaugurato nuovi giocatori, con molta esperienza, quindi le aspettative sono appena cresciute. Tutto tranne finire tra i primi sei posti del girone sarà considerato un fallimento.

“Se arriviamo ai play-off tutto è possibile. Vogliamo continuare a crescere e diventare una delle migliori squadre d’Europa a lungo termine”, afferma il direttore sportivo della squadra, David Barrufet.

Il capitano della squadra, Valentin Ghionea, che inizierà la sua quindicesima stagione in EHF Champions League, è d’accordo: “Siamo motivati ​​perché possiamo raggiungere la EHF FINAL4, che dovrebbe bastare di per sé se daremo tutto in campo”.

Lo sapevate?

Il portiere iraniano, Saeid Heidarirad, che ha firmato per la Dinamo cinque anni fa, e il terzino sinistro croato, Ante Kuduz, otterranno il passaporto rumeno nei prossimi mesi, con la Dinamo che ora ha 10 nazionalità diverse in rosa: rumena, spagnola, algerina, bielorussa, egiziana, francese, tedesca, brasiliana, serba e ceca.

Cosa dicono i numeri

2.000 – La Dinamo è destinata a diventare il 30esimo club nella storia della EHF Champions League a raggiungere il traguardo dei 2.000 gol. Attualmente con 1.835, la Dinamo dovrebbe aver bisogno di sei o sette partite per arrivare a segno.

Arrivi e partenze

Arrivi: Ali Zein (Barça, ESP), Lazar Kukic (SL Benfica, POR), Stanislav Kasparek (HC Meshkov Brest, BLR), Joao Pedro da Silva (Angel Ximenez Puente, ESP), Viachaslau Bokhan (HC Motor Zaporozhye, UKR) , Alexandru Bucătaru (CSM București, ROU), Rareș Muntean (CSS Făgăraș, ROU)

Partenze: Dan Andrei Lazăr (SCM Politehnica Timișoara, ROU), Raul Nantes Campos (Al Ahly, EGY), Ahmed Khairy (Al Ahly, EGY), Răzvan Gavriloaia (CSU Suceava, ROU), Alireza Mousavi (sconosciuto), Amine Bannour ( Mudhar Club, KSA)

Successi passati

EHF Champions League

Partecipazioni (inclusa stagione 2022/23): 9
Last16 (1): 2019/20*
Fase a gironi (5): 2005/06, 2016/17, 2017/18, 2018/19, 2021/22
Qualificazione (2): 1995/96, 1997/98
* 2019/20 Last16 annullati causa pandemia Covid-19

Altro

EHF European League: Fase a gironi: 2020/21
EHF Cup: Semifinali: 2003/04; Last16: 2001/02, 2004/05
Coppa delle Coppe: Quarti di finale: 2002/03
Challenge Cup: Finale: 2000/01; Semifinali:
Coppa Città 2007/08: Semifinali: 1999/2000

Campionato rumeno: 18 titoli (1959-62, 1964-66, 1978, 1986, 1995, 1997, 2005, 2016-19, 2021, 2022)
Coppa di Romania: 7 titoli (1979, 1982, 1988, 2017, 2020-22)

Questo contenuto è solo per la consultazione!