IRAN

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 28 luglio 2022.

La pallamano, sia maschile che femminile, nella Repubblica islamica dell’Iran è cresciuta negli ultimi anni con progressi seri e programmi importanti messi in atto per sviluppare e coltivare talenti in un grande bacino di elevato potenziale, che può sicuramente produrre risultati.

Per la squadra maschile, il talento ha trasceso il paese e ha aiutato la Repubblica islamica dell’Iran a guadagnare notorietà in Europa, con diversi giocatori che hanno impressionato sui più grandi palcoscenici. I fratelli Esteki, Sajjad e Allahkaram, sono stati i pionieri, con il primo che è addirittura arrivato nella top 10 della classifica dei capocannonieri della EHF Champions League Men.

Dopo la loro prima apparizione all’IHF Men’s World Championship nel 2015, è seguita una pausa di otto anni, ma l’Iran farà finalmente il suo tanto atteso ritorno alla competizione in Polonia/Svezia 2023, dopo essere arrivato quarto all’AHF Asian Men’s Handball Championship in 2022. 

La nazionale maggiore femminile ha fatto la sua prima apparizione all’IHF Women’s World Championship in Spagna lo scorso dicembre, mentre le squadre junior e giovanili hanno fatto la loro prima apparizione sulla scena mondiale nelle competizioni di punta del mondo quest’estate, evidenziando ancora una volta i progressi e l’ambizione della Federazione di pallamano della Repubblica islamica dell’Iran (IRIHF).

“Una delle idee più importanti della Federazione di pallamano della Repubblica islamica dell’Iran è quella di allevare una generazione di grandi giocatori di pallamano di bambini iraniani, per sviluppare il loro futuro e creare una grande squadra nel nostro Paese. La federazione ha già pianificato di creare alcuni programmi in tutto il Paese, consentendo ai bambini di essere sempre più interessati alla pallamano. L’idea è di promuovere la pallamano come un’attività divertente per accompagnare i bambini a provare a giocare a pallamano, creando al contempo l’ambiente adatto per le loro famiglie”, afferma il presidente dell’IRIHF, la dott.ssa Alireza Pakdel.

Il piano è identificare i bambini interessati alla pallamano fin dai più piccoli, per provare a sviluppare le loro abilità. La successiva parte del programma è trovare un posto per loro nelle scuole di pallamano e nelle accademie nazionali di pallamano. Con le squadre formate, prendono parte a competizioni e tornei locali, tornei nazionali e, dopo un po’, hanno la possibilità di essere membri della squadra nazionale giovanile.

All’IHF Women’s Junior World Championship 2022, la Repubblica Islamica dell’Iran ha pagato il prezzo della mancanza di esperienza e si è classificata al 30° posto su 32 squadre, con una vittoria contro il Messico e un pareggio contro la Guinea; la sconfitta di un gol contro l’India è stato il momento più difficile della competizione per la squadra asiatica.

Sono comunque riusciti a finire secondi all’AHF Asian Women’s Junior Championship 2022, perdendo il tie-break contro l’India dopo un’altra dolorosa sconfitta contro le loro rivali.

“Nell’ultimo decennio avevamo molti piani per identificare giovani giocatori di talento, ma tutto è andato sempre meglio negli ultimi tre anni, grazie al supporto di persone e sponsor. Il risultato è, per noi, fenomenale. In pochissimo tempo abbiamo trovato ottimi giocatori che hanno avuto un impatto incredibile sul futuro della pallamano iraniana.

“Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia causato alcune interruzioni ai programmi della Federazione, questi programmi non sono mai stati chiusi e sono tornati in attività rapidamente con il miglioramento delle condizioni”, aggiunge il presidente dell’IRIHF.

I programmi sono stati in pieno svolgimento anche durante l’International Handball Week (IHW) – una settimana di celebrazione della pallamano lanciata dalla International Handball Federation, che inizia il 12 luglio di ogni anno – con un focus sulle attività che hanno lo scopo di aiutare i bambini a diventare più coinvolti nella pallamano.

https://www.instagram.com/p/CgJbScuFcvH/?utm_source=ig_embed&ig_rid=9bb36135-5f2d-48da-90eb-6afce024a266


Tutte le attività sono andate senza intoppi in Iran, poiché i bambini ora stanno abbracciando sempre di più lo sport, vedono che i risultati stanno migliorando e seguono i giocatori.

Hanno appena completato un altro programma impressionante che è stato implementato negli anni passati chiamato “Iran Handball Talent Olympiad”, che ha visto un numero enorme di partecipanti. Durante questo evento, gli allenatori delle squadre nazionali hanno scovato potenziali futuri giocatori che avevano sia il talento che la grinta per affermarsi sul grande palcoscenico.

Mentre la popolarità della pallamano nella Repubblica islamica dell’Iran è aumentata vertiginosamente, ci sono ancora molte cose che devono migliorare sia a breve che a lungo termine. Le ambizioni sono decisamente alte e si traducono in un obiettivo audace: raggiungere la finale dell’AHF Asian Youth Championship e dell’AHF Asian Junior Championship in entrambe le categorie.

“Negli ultimi tre anni, avevamo un piano per introdurre sempre di più la pallamano al popolo iraniano. E possiamo sicuramente dire ora che la pallamano è uno degli sport più popolari in Iran e molte famiglie vogliono che i loro figli gareggino e inizino a praticare questo sport.

“Trasmettere partite di pallamano sui canali TV ed essere parte delle notizie quotidiane nelle agenzie di stampa, diventare un argomento interessante nei social media e organizzare festival ed eventi è solo una parte dei nostri piani che abbiamo realizzato specificamente nell’ultimo anno.

“Molte star di altri sport in Iran, come i nostri giocatori di football, che hanno un enorme seguito, stanno promuovendo la pallamano nei loro account sui social media. Le persone apprezzano i nostri giocatori delle squadre nazionali di pallamano su Instagram e Twitter. Vedono come i giocatori iraniani stanno facendo del loro meglio”, conclude la dott.ssa Alireza Pakdel.

Questo contenuto è solo per la consultazione!