COMUNICATO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

Stralci del Comunicato Ufficiale del C.N. del CONI (riunione del 19 luglio 2022).

Il 290° Consiglio Nazionale del CONI si è riunito il 19 luglio 2022, presso il Foro Italico; a seguire si riportano alcuni dei temi trattati.

2) Comunicazioni del Presidente: 

Riguardo al tema dei rapporti con le Istituzioni, il Presidente si è detto preoccupato di quello che sta accadendo a livello governativo e ha reso noto di aver parlato con il Presidente Draghi, in quanto abbiamo oneri e onori nell’organizzare i Giochi Olimpici di Milano Cortina 2026 e i Giochi del Mediterraneo di Taranto 2026 e le Federazioni Internazionali e il CIO si interrogano sulla situazione italiana, annunciando che potrebbe esserci una Giunta Straordinaria in merito.

Sul lavoro sportivo Malagò ha detto di aver condiviso alcune cose, altre meno, annunciando la redazione di un documento in cui si chiede che si prenda in considerazione, tra l’altro, della possibilità di fare un unico contratto sul lavoro sportivo, individuando la tipizzazione di chi lavora nelle ASD e SSD. In tema di esenzione fiscale e contributiva Malagò ha auspicato, in questa fase particolare, un discorso più graduale sull’abolizione del vincolo sportivo.

Il Presidente ha comunicato la nomina di Michele Signorini quale commissario ad acta delle federazioni sportive nazionali per l’adeguamento degli statuti ai sensi di legge e “per modificare gli Statuti poiché il governo chiede di mettere un rappresentante nel collegio sindacale”.
Malagò ha proposto al Consiglio Nazionale il riconoscimento del CUSI quale Federazione Sportiva Nazionale.

In tema di aggregazioni Malagò ha sottolineato che non può obbligare nessuno ma che oggi il CONI segue 371 discipline diverse ed “esiste un problema se non individuiamo dei contenitori per le nuove discipline che stanno arrivando e chiedono spazio”.

Il Segretario Generale, Carlo Mornati, ha fatto il resoconto sul CdA di Sport e Salute di ieri pomeriggio e sulla delibera relativa ai contributi che non fanno parte della contribuzione ordinaria ma di un fondo istituito nel 2020 in capo all’autorità di governo in tema di sport, pari a circa 88 milioni di euro. L’indicazione dei criteri è stata fatta dal Dipartimento Sport che si avvale di Sport e Salute come ente attuatore. Nel più breve tempo possibile saranno realizzati i bandi in tema di organismi sportivi per la promozione delle attività per un totale di 82 milioni. Il 35% dei fondi saranno assegnati a progetti dedicati a bambini-adolescenti per contrastare la sedentarietà, il 28% a progetti di attività fisica per over 65 e ceti fragili, il 30% a progetti scolastici e prescolastici che portano bambini e famiglie verso le ASD e le SSD, il 5% per l’attività motoria di base per discipline come nuoto, corsa e le abilità funzionali della ginnastica, il 2% per la Scuola dello Sport per attività di formazione. Sei milioni di euro, invece, sono previsti per FISI e FISG per la promozione delle discipline di base in vista di Milano Cortina 2026.


Malagò, alla luce di ciò, ha detto che “fortunatamente il CONI non è mai stato invitato” agli incontri con il Segretario con delega allo Sport e la dirigenza di Sport e Salute spa, “ma non esiste” che dei soggetti privati siano vincolati nell’utilizzo dei contributi.

3) Attività FSN-DSA-EPS: È stata approvata all’unanimità la delibera relativa al riconoscimento ai fini sportivi, in qualità di Federazione Sportiva Nazionale, del Centro Universitario Sportivo Italiano – C.U.S.I., rappresentato dal Presidente pro-tempore Antonio Dima, a condizione che lo Statuto venga uniformato ai Principi Fondamentali degli Statuti delle Federazioni Sportive Nazionali e delle Discipline Sportive Associate entro il termine di 150 giorni dalla data odierna. La decorrenza, a far data dal 1° gennaio 2023, per gli effetti economici e contributivi.

È stato approvato all’unanimità il nuovo Regolamento della Commissione Nazionale Atleti. 

Questo contenuto è solo per la consultazione!