FLINT CITY HANDBALL CLUB

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 22 febbraio 2022.

I Giochi Olimpici di Los Angeles 2028 non sono ancora dietro l’angolo, ma i preparativi sono iniziati a fondo per l’evento sportivo più importante del mondo.

Ciò significa anche che la pallamano negli Stati Uniti d’America sta ottenendo sempre più visibilità, con la squadra maschile e quella femminile qualificate per la fase finale del torneo. 

Con un grande mercato emergente a cui attingere, diversi club stanno iniziando a crescere organicamente, come è anche il caso del Flint City Handball Club, una squadra fondata nel 2020, in una città con una popolazione di 80.000 abitanti nel Michigan.

“Sfortunatamente, la popolarità della pallamano non è grande negli Stati Uniti d’America. Pertanto, formare un club con così poco preavviso con un roster stabile non è stato facile, ma abbiamo un solido nucleo di circa nove giocatori su cui possiamo contare. Reclutare più atleti locali è un grande obiettivo per noi nel 2022″, ha affermato Shane Proulx, co-proprietario del Flint City Handball Club.

L’idea alla base della creazione della squadra è stata di Proulx, che attribuisce ai Giochi Olimpici il punto di partenza per l’avventura del club. Guardare la pallamano durante la manifestazione ha lasciato Proulx in soggezione, poiché ha immediatamente contattato l’USA Team Handball per cercare di trovare un club. 

Senza un club nel suo stato locale, il Michigan, Proulx non si è tirato indietro facilmente ed è nato il Flint City Handball Club.

“Ho appena messo insieme i fondi per le attrezzature per un po’ di tempo e nel 2020 abbiamo iniziato a giocare a pallamano”, aggiunge il comproprietario del club.

Il football americano e il baseball sono gli sport più popolari negli Stati Uniti d’America, ma il Flint City HC di Proulx e altri club, come il San Francisco CalHeat e il Detroit Handball Club, stanno cercando di migliorare il livello della pallamano nel paese.

Crediamo fermamente che la crescita debba essere una delle massime priorità non solo per il nostro club ma per tutti i club negli Stati Uniti. Attualmente, il paese è privo di leghe strutturate. L’America è molto grande e viaggiare è difficile, quindi per i club nella regione dei Grandi Laghi un campionato attivo sulla costa orientale non ci aiuta”, afferma Proulx.

“Nel tentativo di evidenziare quanto la pallamano possa essere accessibile per gli atleti di altri sport, abbiamo anche avviato quella che chiamiamo The InterSports Series, in cui abbiamo un invito aperto a qualsiasi squadra di qualsiasi livello a provare la pallamano, indipendentemente dal fatto che provenga da una scuola di altri sport (bowling, hockey, ecc). Finora, abbiamo avuto un’ottima accoglienza e abbiamo attratto club di vari livelli come il calcio e il baseball”, aggiunge il comproprietario del Flint City Handball Club.

Tuttavia, il club è ancora agli inizi, eppure le ambizioni sono enormi. Tra sei anni Los Angeles ospiterà i Giochi Olimpici e le squadre maschili e femminili degli Stati Uniti scenderanno in campo nella competizione. La squadra maschile ha già giocato in sei tornei, vincendo quattro partite su 30, mentre la squadra femminile ha partecipato a quattro edizioni dei Giochi Olimpici, vincendo quattro partite su 19 e finendo sesta a Barcellona 1992.

Il piano è quello di crescere organicamente, creare giocatori migliori e, secondo Proulx, inviare alcuni giocatori per la squadra nazionale USA ai Giochi Olimpici di Los Angeles 2028.

“Idealmente vorremmo essere in grado di inviare almeno due giocatori a Los Angeles 2028 per aiutare il Team USA ad assicurarsi la sua prima medaglia nella pallamano. La competizione sarà agguerrita poiché i giocatori americani inizieranno a vedere maggiori e migliori opportunità di allenamento sia negli Stati Uniti che all’estero, ma la cultura atletica e la storia della nostra comunità non sono seconde a nessuno”, afferma Proulx.

Con due ore e mezza di allenamenti a settimana, la squadra sta iniziando a migliorare sempre di più ei piani si stanno sviluppando a un ritmo rapido, con l’idea di creare una squadra femminile nel prossimo futuro.

“Non vedo limiti al potenziale del nostro club a Flint, abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno in questa città per creare un club di successo, dobbiamo solo continuare a lavorare sodo, cercare di fare le cose nel modo giusto e in tempo , non vedo alcun motivo per cui Flint non possa essere l’invidia della pallamano in Nord America”, conclude Proulx.

Per ulteriori informazioni su Flint City Handball Club, visitare la pagina Facebook ufficiale

Questo contenuto è solo per la consultazione!