2021: UN ANNO IMPORTANTE PER LE ARBITRE SAUDITE

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 31 dicembre 2021.

Il 2021 ha visto la Federazione di pallamano dell’Arabia Saudita compiere passi significativi per quanto riguarda il coinvolgimento delle donne nella pallamano della nazione asiatica, con il corso per arbitri di pallamano femminile – Preparazione dei “leader” tenutasi in due regioni. 

Dopo il primo corso organizzato nella Provincia Orientale nel mese di giugno, con 13 partecipanti, altre 18 hanno preso parte al secondo corso a Jeddah, che si è tenuto dal 1 al 10 agosto. I corsi sono stati organizzati in collaborazione con l’Istituto per lo sviluppo della leadership presso il Ministero dello sport. 

I corsi erano aperti a donne di età compresa tra i 17 ei 32 anni di nazionalità saudita. La Federazione saudita di pallamano e il Ministero dello sport hanno invitato le partecipanti provenienti da società sportive, dipartimenti dell’istruzione, università, scuole e settori militari. Il programma ha affrontato aspetti sia teorici che pratici dell’arbitraggio, nonché elementi di psicologia dello sport, organizzazione di tornei e metodi di trattamento degli infortuni. 

Durante il Super Globe maschile dell’IHF a Jeddah, il presidente dell’IHF, il dottor Hassan Moustafa, è stato tra coloro che hanno consegnato i certificati ai partecipanti. La dott.ssa Moustafa ha quindi invitato due di loro all’ultimo fine settimana del 25° Campionato mondiale femminile IHF tenutosi di recente in Spagna, con l’obiettivo di promuovere il ruolo delle donne nella pallamano a livello globale e in Asia in generale. 

Due partecipanti hanno accettato l’offerta e hanno partecipato al giro delle medaglie a Spagna 2021, godendosi le ultime quattro partite della competizione. Insieme alle loro nuove licenze arbitrali, Hessa Mastoor Al-Thbiti e Malaka Al-Eid hanno entrambe intrapreso studi in altri campi, con Al-Thbiti che si è concentrata sull’educazione fisica mentre Al-Eid si è concentrata sulla gestione aziendale. 

Per Al-Thbiti in particolare, questo background è ciò che l’ha portata alla pallamano:

“Ho studiato educazione fisica al college. Giocavo a pallamano mentre studiavo. L’ho adorata quando l’ho praticata, quindi ho deciso, dopo essermi laureata al college, che potevo essere un arbitra”, ha detto Al-Thbiti, parlando a ihf.info durante la notte delle semifinali a Spagna 2021. 

“Prima di studiare educazione fisica, ho studiato altre materie. Ho deciso di cambiare i miei studi in educazione fisica perché mi piaceva. È stato davvero incredibile”. 

Mentre Al-Thbiti ha intrapreso la sua educazione in Arabia Saudita, Al-Eid ha studiato all’Oklahoma State University. Lçe due sono ora molto motivate ​​a crescere con l’arbitraggio di pallamano e la loro partecipazione al Campionato del Mondo ha aiutato ad avere un primo assaggio dell’ambiente in un grande torneo internazionale. 

“È stato davvero incredibile. Mi piace veramente. L’organizzazione. Tutto”, ha detto Al-Thbiti dell’esperienza in Spagna, mentre Al-Eid ha aggiunto che è stato molto prezioso poter osservare arbitri di alto livello e che “è fantastico guardare partite come queste”. 

Per quanto riguarda la pallamano femminile in Arabia Saudita, la Federazione ha compiuto passi significativi soprattutto nell’ultimo anno. “E’ ancora all’inizio”, ha detto Al-Thbiti. “Lo sport è ancora nuovo in Arabia Saudita e tutte le donne sono entusiaste di parteciparvi”. 
 

Questo contenuto è solo per la consultazione!