BRAZIL!

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 22 novembre 2021.

Otto anni fa, il Brasile ha prodotto una delle più grandi sorprese nella storia della pallamano femminile conquistando il suo primo titolo mondiale femminile IHF. È stato un torneo impeccabile in Serbia 2013 per la squadra sudamericana, appena due anni dopo aver perso solo una partita per finire quinto sul campo di casa.

Da allora, il Brasile non è mai stato in grado di replicare la propria forma, finendo decimo a Danimarca 2015 e poi scendendo al 18° posto a Germania 2017 e al 17° a Giappone 2019.

Dalla squadra vincitrice di Serbia 2013, solo sei giocatrici sono state selezionate nella lista provvisoria per Spagna 2021, con atlete esperte come Alexandra do Nascimento, Barbara Arenhart e Ana Paula Rodrigues Belo in testa ai giovani talenti femminili, affamate di medaglie.

Tuttavia, il colpo più grande è arrivato a fine ottobre, quando Eduarda Amorim Taleska, una giocatrice che ha vestito la maglia della nazionale 215 volte e ha segnato 701 gol, ha annunciato il suo ritiro, 15 anni dopo il suo debutto.

“Anche prima dell’inizio della pandemia di COVID-19, ho pensato di concludere la mia carriera internazionale dopo i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Ora posso dire, con tutto il mio cuore, che questa è la decisione giusta.

“Sono orgogliosa di quello che ho realizzato con la maglia della nazionale, dando sempre tutto quello che avevo per il Brasile. È stato un piacere giocare con generazioni diverse, lavorare con professionisti eccezionali e superare così tante sfide”, ha dichiarato Amorim in un post su Instagram che annunciava il suo ritiro.

Il vento del cambiamento ha soffiato forte per il Brasile dopo i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, dove la potenza sudamericana si è classificata 11a, il peggior piazzamento in cinque edizioni della competizione.

L’allenatore Jorge Duenas, che guida la squadra dal 2017, è stato sostituito da Cristiano Rocha quest’estate, dopo le Olimpiadi, dove il Brasile è riuscito ancora a pareggiare contro la ROC, medaglia d’argento, e ha vinto contro l’Ungheria.

Tuttavia, hanno concluso il torneo con una serie di tre sconfitte consecutive che sostanzialmente ha segnalato la necessità di un cambiamento.

Rocha, ex assistente di Morten Soubak, l’allenatore che ha portato il Brasile alla medaglia d’oro in Serbia 2013, e di Duenas, ha ormai molta esperienza e conosce a fondo la squadra, è pronto a riportare il Brasile in vetta nei prossimi anni.

Il suo debutto è stato perfetto, vincendo con facilità il campionato femminile del Sud e Centro America, assicurandosi cinque vittorie su cinque partite, inclusa una vittoria per 31:22 contro le rivali dell’Argentina.

“Questo è un momento molto importante nella mia vita professionale. Tutti sognano di essere l’allenatore della squadra brasiliana e per me non è diverso. Credo di essere preparato e motivato a fare del mio meglio per il nostro Paese.

“La sfida principale è far tornare il Brasile a lottare per le prime posizioni nelle principali competizioni internazionali e, naturalmente, a qualificarsi per i Giochi Olimpici”, ha affermato Rocha, secondo il sito web della Federazione brasiliana di pallamano.

Fondamentale per questo progetto sarà l’emergere di un nuovo ed entusiasmante difensore centrale nello stampo di Bruna de Almeida, che è stata determinante nell’aiutare il Nantes Atlantique Handball a vincere la DELO EHF European League la scorsa stagione.

Il suo trasferimento al Metz Handball questa estate dovrebbe aiutare il difensore centrale 25enne, che può anche giocare come terzino sinistro, ad acquisire più esperienza ai massimi livelli e, quindi, aiutare il Brasile a diventare più imprevedibile in attacco.

L’esperienza c’è, con Arenhart o do Nascimento pronti a mettersi in gioco in ogni occasione, perché questo potrebbe essere anche l’ultimo Mondiale IHF femminile per la 40enne ala destra, capocannoniere del Brasile 2011 e seconda miglior capocannoniere in Serbia 2013. 

Giocatori chiave: Alexandra do Nascimento (ala destra), Barbara Arenhart (portiere), Bruna de Paula Almeida (difensore centrale), Ana Paula Rodrigues Belo (difensore centrale)

Qualificazioni per Spagna 2021: Campionato femminile della Confederazione di pallamano del Sud e Centro America 2021 – Vincitrici

Storia nel torneo: 1995: 17-20, 1997: 23, 1999: 16, 2001: 12, 2003: 20, 2005: 7, 2007: 14, 2009: 15, 2011: 5, 2013: 1, 2015: 10, 2017: 18 2019: 17

Girone a Spagna 2021: Gruppo G (Croazia, Giappone, Brasile, Paraguay)

Questo contenuto è solo per la consultazione!