GOLDEN LEAGUE

La Golden League è una competizione internazionale amichevole di pallamano, creata nel 2012 su iniziativa delle federazioni di pallamano danese, francese e norvegese. È organizzata ogni stagione alternativamente per le donne e per gli uomini.

Si svolge in tre fasi che si svolgono in ciascuno dei tre paesi organizzatori, Danimarca , Francia e Norvegia, e che riuniscono le tre nazioni ospitanti e una squadra ospite.

La squadra invitata non viene presa in considerazione nella classifica generale e vengono conteggiate solo le partite tra le tre squadre presenti in maniera permanente.

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 9 novembre 2021.

Weekend di pallamano ricco di azione al Trondheim Spektrum in Norvegia dove quattro delle migliori squadre maschili europee si sono scontrate nel torneo amichevole denominato “Gjensidige Cup, manifestazione che rappresenta la prima tappa della Golden League per questa stagione.

I campioni del mondo in carica della Danimarca, i campioni olimpici in carica della Francia, la Norvegia e l’Olanda si sono scontrati in un torneo di tre giorni, con la Danimarca che ha conquistato gli allori, dopo aver ottenuto tre vittorie contro i loro avversari.

La prima giornata del torneo, in programma giovedì 4 novembre, ha visto la Danimarca sfidare la Norvegia, nella rivincita della partita dei quarti di finale ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 lo scorso agosto.

La Danimarca ha vinto quella volta (31:25) e ha raddoppiato nella Coppa Gjensidige, con un’altra prestazione dominante, 31:28. Non è stata una partita facile per la squadra norvegese, che ha avuto una prestazione impressionante del terzino sinistro Sander Sagosen, che ha segnato 11 gol. 

Sagosen, che farà il suo ritorno nel campionato norvegese con il Kolstad nel 2023, è stato praticamente inarrestabile, mancando solo quattro tiri per tutta la partita, ma una Danimarca a corto di personale, che non poteva contare sull’MVP dell’ultimo campionato mondiale maschile IHF, Mikkel Hansen, ha comunque conquistato la vittoria, grazie a una prestazione con sette gol dell’ala sinistra, Emil Jakobsen.

La Danimarca vendica la sconfitta alla finale olimpica

Sabato è entrata in campo la Francia, nella rivincita della finale di Tokyo 2020 contro la Danimarca.

Con un sacco di nuovi giocatori nelle due squadre, la Danimarca ha vendicato la loro dolorosa sconfitta, con un’altra uscita impeccabile di Jakobsen, che ha trasformato tutti i suoi 10 tiri, aprendo la strada a un’altra impressionante vittoria, 31:26. Il capocannoniere della Francia è stato Elohim Prandi, con cinque gol, seguito dal terzino del Barça, Timothey N’Guessan e dall’ala destra di Lomza Vive Kielce, Dylan Nahi, che hanno segnato quattro gol ciascuno.

È stata una vittoria completa per la Danimarca, che ha permesso alla Francia di segnare il primo gol e poi di non cedere mai il vantaggio, in una vittoria che ha spianato la strada alla vittoria del torneo.

La Norvegia si è anche assicurata la sua unica vittoria nel torneo sabato, quando ha dato spettacolo per i suoi fan contro l’Olanda, raggiungendo una vittoria per 40:29.

Sagosen non ha rubato la scena, dopo essere stato riposato dall’allenatore Christian Berge, ma i giovani talenti Simen Holand Pettersen e Alexander Blonz hanno brillato, segnando in totale ben 17 gol nella partita.

La Francia al secondo posto vince nettamente contro la Norvegia

La formazione danese ha esercitato la sua superiorità contro l’Olanda nell’ultima partita di domenica, ottenendo un’altra netta vittoria (33:19) sulla strada per assicurarsi il primo posto nel girone, dopo aver battuto tutti gli avversari.

L’allenatore Nikolaj Jacobsen si è assicurato che tutti i suoi giocatori abbiano avuto modo di giocare per un periodo di tempo significativo in campo, con Johan Hansen, Niclas Kirkeløkke, Hans Aaron Mensing e Jacob Holm che si sono guadagnati il podio di capocannoniere della partita, con quattro gol ciascuno.

Nell’ultima partita del girone, i padroni di casa della Norvegia hanno perso la seconda partita in quattro giorni (25:31), contro la Francia. 

Ancora una volta senza Sagosen, la giovane squadra norvegese non ha avuto alcuna possibilità contro la più esperta Francia, che ha preso il comando all’inizio e non l’ha mai abbandonato.

Il 20enne giocatore di linea Theo Monar, che gioca per l’HBC Nantes, è stato il capocannoniere dei campioni olimpici in carica, con sei gol, in una delle prime presenze significative per la nazionale francese.

Questo contenuto è solo per la consultazione!