QUESTIONE DI “SHORTS”! – PARTE 2

Stralcio di un comunicato pubblicato sui siti WEB dell’EHF e dell’IHF il 20 luglio 2021.

Per quanto riguarda le divise delle atlete, l’EHF ha affrontato una situazione specifica sul campo delle divise femminili.

La questione era già stata discussa al Congresso EHF nell’aprile 2021 su mozione della Federazione norvegese di pallamano. Le 50 Federazioni Membri EHF, inclusa la Federazione Norvegese di Pallamano, e alla presenza del Presidente della Federazione Internazionale di Pallamano (IHF), hanno deciso che la neoeletta Commissione Beach Handball nella loro prima riunione di agosto affronterà l’argomento e presenterà suggerimenti che successivamente potranno essere presentato alla IHF.

Poiché l’IHF è l’organo competente per i regolamenti validi a livello mondiale, si deve precisare che tale mozione deve essere indirizzata al Consiglio IHF per motivi formali. La Federazione norvegese di pallamano non ha presentato alcuna mozione all’IHF dall’aprile 2021, pertanto si applicano i passaggi previsti. Il contatto con la Federazione internazionale di pallamano è già stato stabilito e l’ulteriore procedura è stata fissata. Il presidente dell’EHF, Michael Wiederer, e il presidente dell’IHF, il dottor Hassan Moustafa, hanno concordato i prossimi passi e hanno assicurato alla comunità del beach handball e a tutti i suoi fan che tutti gli sforzi saranno fatti per promuovere ulteriormente lo sport. Ciò include la presentazione ideale dello sport e, di conseguenza, include l’abbigliamento dei giocatori.

Da un punto di vista europeo, la reazione si basa sulla disinformazione sulla procedura. Si prende atto della posizione degli attori coinvolti e sono in corso ulteriori passi, in stretto coordinamento con l’IHF.

Questo contenuto è solo per la consultazione!