UNA SOLUZIONE SEMPLICE

Articolo pubblicato sul sito WEB “SPORTSPEDIA” il 24 giugno 2021

In 18 ore la British Heart Foundation ha pubblicato un annuncio relativo all’educazione alla RCP (Rianimazione Cardio Polmonare) dopo l’incidente a Euro 2020 (calcio) di Eriksen. Lo sport dovrebbe cogliere l’attimo.

Le immagini di Christian Eriksen (DNK) che crolla nella sua partita di Euro 2020 contro la Finlandia hanno suscitato scosse in tutto il mondo. L’insufficienza cardiaca è stato il primo pensiero nella mente di molte persone. L’opportunità dovrebbe essere colta per considerare la RCP come parte dell’allenamento sportivo di base, dai livelli di base in poi.

La British Heart Foundation ha approfittato dell’opportunità e ha fatto un annuncio sulla RCP entro 18 ore dall’incidente di Erikson. L’annuncio  inizia con: “Questo è l’annuncio che non ci saremmo mai aspettati di fare. Questo dovrebbe riguardare le battute pre-partita… “Continua a parlare di altri eventi legati allo sport e poi lo taglia con: “Ma sapere che la RCP potrebbe fare la differenza… Meno di 1 su 10 sopravvive all’arresto cardiaco nel Regno Unito”.

Secondo la BBC, la BHF ha registrato vendite record di defibrillatori e visite al sito Web in cinque giorni dopo il crollo di Eriksen. L’articolo dice anche che in effetti, per l’Associazione inglese di calcio, “i defibrillatori sono obbligatori in tutti i campi fino alla quarta categoria del sistema della National League”.

Il Regno Unito è uno degli stati economicamente più avanzati del mondo e il calcio è infatti lo sport meglio finanziato al mondo.

Per il mondo in via di sviluppo e per altri sport la sola pratica sportiva è insostenibile e lo si fa per amore del gioco. In alcuni casi è impossibile avere defibrillatori o una squadra di servizi di emergenza ovunque. Ciò è particolarmente vero nello sport di base, che comprende la maggioranza dei sodalizi sportivi.

Lo sport è intrinsecamente buono per la salute, ma le persone con problemi cardiaci hanno maggiori probabilità di subire un arresto cardiaco mentre praticano sport perché stressa il cuore. Il rischio è particolarmente grave considerando che molte volte le persone con condizioni critiche di base, non sono consapevoli fino a quando non subiscono un arresto cardiaco.

Per questo motivo, il modo più sostenibile per reagire a tali tragedie e per salvare vite umane – quando i defibrillatori, la via migliore, non sono un’opzione – è insegnare la RCP come parte dell’educazione sportiva generale e del condizionamento fisico.

A volte le persone potrebbero pensare che imparare qualcosa di “relativo all’assistenza sanitaria” richieda conoscenze avanzate. Ovviamente diventare un medico o un infermiere richiede una formazione intensa, ma le tecniche di primo soccorso come la RCP o le manovre anti-soffocamento possono essere insegnate a qualsiasi persona.

Insegnare a bambini e atleti come riscaldarsi e come rinfrescare i muscoli è ormai una convenzione perché è semplice, non richiede molto tempo e previene gli infortuni. L’insegnamento della RCP e di altre tecniche di pronto soccorso dovrebbe essere altrettanto convenzionale.

Sono anche semplici, non richiedono molto tempo – devi insegnarli solo una volta – e salvano vite umane.

Questo contenuto è solo per la consultazione!