ORTEGA, IL SOSTITUTO DI PASCUAL, FIRMERÀ PER TRE ANNI AL BARÇA


Stralcio dell’articolo pubblicato sul sito WEB “mundodeportivo.com” il 16 giugno 2021
Quando il presidente Joan Laporta ha annunciato il 28 maggio che Antonio Carlos Ortega sarebbe stato il sostituto di Xavi Pascual, i dirigenti dell’Hannover si sono molto arrabbiati perché Ortega aveva un contratto con loro fino al 2023 e nessun accordo era stato ancora raggiunto con il Barça per consentire il suo arrivo in Catalogna.

In quei momenti di rabbia, il club tedesco ha affermato che il cartellino di Ortega valeva almeno 500.000 euro, una cifra alta per un allenatore di pallamano.

Nonostante la scelta di Ortega abbia spiazzato l’Hannover, la diplomazia del Barça e il buon rapporto del club tedesco con l’allenatore spagnolo sin dal suo arrivo nel 2017 – ha rinnovato lo scorso febbraio fino al 2023 – hanno permesso di raggiungere un accordo per una cifra più ristretta, intorno alla metà.
L’Hannover non voleva tagliare le ali all’allenatore nell’occasione della sua vita, ma voleva un risarcimento. Il Barça ha anche accettato di far firmare Ortega per tre stagioni, fino al 2024. Se non ci sono cambiamenti dell’ultimo minuto, queste sono le basi prima della firma di entrambi gli accordi.
“Ho ricevuto offerte da squadre di Champions, ma lascerei l’Hannover solo per un grande progetto. Amo vincere e, naturalmente, vorrei lottare per tutto”, ha detto Ortega a MD lo scorso febbraio dopo il rinnovo con il club tedesco, esprimendo il desiderio di tornare nella massima competizione europea.
Ortega era già stato scelto nel 2012 per guidare l’ambizioso progetto di un altro grande club europeo, il Veszprem Ha fatto tre triplette di fila in Ungheria e ha raggiunto la finale di Champions League 2015, dove è caduto contro il favoloso Barça di Karabatic. Ma quell’anno è stato vittima di un altro sorprendente licenziamento da parte di un altro board (quello di Veszprem) eccessivamente impaziente. Questo gridò al cielo e, sei anni dopo, Veszprem è ancora alla ricerca della sua prima Champions League.

Dopo la sorpresa, c’è stata anche l’indignazione per molti, dovuta all’esonero di Pascual e del direttore sportivo, David Barrufet; i suoi sostituti, Ortega e Xavi O’Callaghan, altri due ex giocatori del ‘Dream Team’, sono anche loro due persone molto consapevoli dell’ottimo lavoro svolto dai loro predecessori.

Questo contenuto è solo per la consultazione!