WHEELCHAIR HANDBALL – Parte 1

Difficoltà delle regole, rilevanza sociale e sogno dei Giochi ParalimpiciPARTE PRIMA

Articolo pubblicato sul sito WEB “HandballFast” ilo 18 maggio 2021


La pallamano, adattata per gli atleti sulla sedia a rotelle, ha quasi 30 anni, ma ora questa variazione del nostro gioco preferito sta guadagnando slancio.
La filosofia dell’IHF, dichiarata in tutti i documenti ufficiali, è che la pallamano dovrebbe essere accessibile a tutti, indipendentemente dal sesso, dall’età e dalle condizioni fisiche. Una conseguenza diretta di questo corso è l’emergere e lo sviluppo della pallamano sulla sedia a rotelle. Secondo i divulgatori del nuovo sport, può diventare dinamico e attraente per gli spettatori come il suo fratello maggiore.


Piano di sviluppo
Il progresso della pallamano sulla sedia a rotelle è strettamente legato alla potenziale inclusione nei Giochi Paralimpici. Oggi, gli atleti sulla sedia a rotelle competono in tre tipi di discipline sportive – basket, tennis e baseball. Nel 2028, alle Paralimpiadi di Los Angeles, la pallamano potrebbe essere aggiunta a questa lista.
Il Comitato Paralimpico Internazionale ha stabilito criteri chiari che un nuovo sport deve soddisfare per essere incluso nel programma dei Giochi. In particolare, per fare domanda, è necessario avere il supporto di 24 federazioni nazionali su tre continenti. Sotto gli auspici dell’IHF, almeno due campionati del mondo devono essere tenuti entro sei anni prima del debutto proposto alle Paralimpiadi. Inoltre, la federazione è obbligata a presentare un chiaro programma di sviluppo per il ciclo olimpico quadriennale, che seguirà i Giochi del 2028.
Tutte queste condizioni sono prontamente disponibili per gli appassionati di pallamano in sedia a rotelle, come dimostrato per la prima volta in un simposio di coaching a Lipsia nel 1993.


Storia
Il primo torneo di pallamano per club e per atleti in sedia a rotelle si è tenuto in Giappone nel 2001. Nel 2005, un campionato nazionale non ufficiale si è svolto a Nantes, un anno dopo Liverpool ha ospitato una competizione simile in Inghilterra.
Per quanto riguarda le squadre nazionali, il Brasile ha ospitato il campionato mondiale di pallamano in sedia a rotelle nel 2013. Vi hanno partecipato squadre di sei paesi. Due anni dopo, il primo torneo europeo si è svolto in Austria, dove hanno combattuto quattro squadre.
All’inizio del 2019, l’IHF, con la partecipazione diretta di Hassan Mustafa, ha avviato un lavoro attivo per legittimare la pallamano a livello di Comitato Paralimpico Internazionale. In primavera è stato presentato un gruppo di lavoro che ha delineato i principali traguardi, obiettivi e programma per i prossimi anni.
Al Congresso IHF di luglio, il gruppo di lavoro ha ricevuto risposte positive e conferma della propria disponibilità a collaborare allo sviluppo della pallamano in sedia a rotelle da 40 federazioni. 23 di loro avevano già lavorato con atleti in sedia a rotelle fino ad allora.


Europa
Le origini della pallamano europea in sedia a rotelle sono in Austria. Nel 2005 sono iniziati i lavori a Vienna con i pazienti in riabilitazione, così come la squadra locale di basket in carrozzina.
Nel 2008, nell’ambito di un seminario specializzato nella capitale austriaca, si è svolto il primo torneo di mini-pallamano con la partecipazione di due squadre. La squadra ospitante era rappresentata dai giocatori di basket in carrozzina della squadra “Tori seduti”, allenati frettolosamente al nuovo sport, che si sono confrontati con la nazionale svedese.
Per il 2022, l’IHF ha delineato un obiettivo ambizioso: diventare un membro a pieno titolo del Comitato Paralimpico Internazionale con la prospettiva di includere lo sport nel programma dei Giochi Paralimpici del 2028. Entro il 2030, il gruppo di lavoro sullo sviluppo della pallamano in sedia a rotelle, prevede di raggiungere almeno quaranta federazioni nazionali.
Dal 2015, sotto gli auspici dell’EHF, si tengono tornei internazionali di pallamano. Competizioni simili sono state organizzate quattro volte. Sei squadre hanno preso parte alle ultime competizioni di questo tipo nel 2019, il primo posto è stato preso dalla squadra nazionale croata.
L’anno scorso avrebbe dovuto essere un anno fondamentale per la pallamano in sedia a rotelle, dato che la Svezia avrebbe dovuto ospitare il primo campionato europeo ufficiale. A causa della pandemia dovuta al coronavirus, è stato necessario cancellarlo.

Questo contenuto è solo per la consultazione!