IVANO BALIĆ


Articolo pubblicato sul sito WEB della federazione croata il 9 aprile 2021.

Dopo che il Consiglio Federale ha confermato la decisione di nominare il leggendario Ivan Balić come vice allenatore della nazionale maggiore maschile allenata da Hrvoje Horvat, di seguito vi riportiamo un’intervista al virtuoso idolo della pallamano croata.

Ivano, complimenti per il tuo nuovo incarico, sei soddisfatto?
“Sono soddisfatto della fiducia dimostrata dalla Federazione e sono contento che dal prossimo raduno sarò d’aiuto alla Nazionale guidata dall’allenatore Hrvoje Horvat. Credo che insieme ai giocatori che abbiamo, e a quelli che stanno arrivando, possiamo creare una Croazia leggermente diversa, perché la posizione di oggi nel mondo della pallamano lo richiede”.

Non pensi al fatto che i risultati attuali non sono quelli a cui siamo abituati?
“Dobbiamo accettare i risultati attuali come una realtà, è nostro obbligo, così come creare un modo di pensare e agire che sia utile e in cui i giocatori si sentano più a loro agio”.

Quale pensi sia la chiave del successo e per cosa ti impegnerai in futuro?
“Dobbiamo individuare i giocatori, quelli che possono giocare e quelli che miglioreranno stando accanto a questi ultimi; il posto in squadra merita sempre il meglio del meglio tra gli atleti”. Non credo che dovremmo commettere errori in modo tale da cambiare costantemente e vagare nelle stime, come è avvenuto finora in alcune situazioni. Insomma, non è possibile che una volta un giovane è buono e un’altra volta no, ma nemmeno l’esperienza è una garanzia. Ecco perché dobbiamo creare con cura sia una squadra che un’atmosfera, una maggiore responsabilità per tutto. Questo mix è fondamentale e penso che ci siamo persi nelle ultime due competizioni internazionali”.

Cosa possiamo aspettarci in futuro?
“Abbiamo davanti a noi un periodo di grande lavoro, un periodo in cui dovremo sacrificare alcuni risultati per avere finalmente, nel prossimo futuro, una squadra competitiva che potrà poi ottenere successi. Considerato tutto quello che ho passato e realizzato nella pallamano, sono sicuro che ci vorranno almeno due anni per creare una squadra che nel 2024, 2025, sarà competitiva con i migliori. Scopriremo rapidamente quali sono le nostre possibilità e cosa possiamo aspettarci; sono ottimista sul fatto che per quel periodo saremo grandi”.

Questo contenuto è solo per la consultazione!