ALFRED GISLASON MINACCIATO


Articolo pubblicato sul sito WEB “Handball World” il 16 marzo 2021

“Bella lettera”, ha affermato su Instagram l’allenatore della nazionale tedesca, Alfred Gislason, dopo aver trovato nella casetta postale una lettera minacciosa nei suoi confronti. “Dopo quasi 30 anni in Germania, è la prima volta che sono minacciato in questo grande paese”, ha detto l’islandese, riferendosi alla lettera.


C’è stato un immediato segnale d’ncoraggiamento, tra gli altri, dalla federazione tedesca (DHB) e dal suo ex club THW Kiel, nonché da numerosi tifosi e dalla redazione di Handball-World. Anche se Silvio Heinevetter ha scherzosamente commentato “Nessuno troverà la tua proprietà comunque”, il contenuto della lettera è serio: oltre al riferimento di volere un allenatore tedesco alla guida della nazionale, la lettera contiene anche una palese minaccia di visita alla sua residenza:”Vediamo cosa accadrà alla tua proprietà”. In un secondo post, l’allenatore della nazionale ha chiesto aiuto, probabilmente perchè ha riconosciuto l’autore del messaggio.

“Alfred Gislason è il nostro allenatore – il cuore del nostro gruppo, con passione e identificazione assoluta per la nostra squadra nazionale tedesca. Siamo grati di averlo con noi e siamo pronti a difenderlo da ogni forma di razzismo e xenofobia”, ha detto la DHB in un primo commento su Twitter.
Alfred Gislason ha condotto la nazionale tedesca alle olimpiadi nel fine settimana, grazie a un pareggio contro la Svezia e alle vittorie contro Slovenia e Algeria.


Agli ultimi Giochi Olimpici del 2016, la selezione tedesca ha vinto il bronzo, con l’islandese Dagur Sigurdsson come allenatore.

Alfred Gislason vive non lontano dalla capitale dello stato della Sassonia-Anhalt sin dai tempi in cui era allenatore del club della Bundesliga, SC Magdeburg. “Siamo inorriditi e condanniamo questo attacco nel modo più forte possibile. Assicuriamo ad Alfred ogni supporto. È solido come una roccia in termini sportivi, ora noi siamo umanamente la sua roccia solida”, ha detto il presidente della DHB, Andreas Michelmann, a un’agenzia di stampa tedesca.

Questo contenuto è solo per la consultazione!