FÆR ØER, UNA CRESCITA SOSTENIBILE


Articolo pubblicato sul sito WEB della IHF il 4 marzo 2021

Il duro lavoro, la dedizione e la fiducia ripagano, ed è stato dimostrato ancora una volta proprio dalla Federazione di pallamano delle Isole Fær Øer (HSF) il mese scorso.


In un evento organizzato dalla Confederazione Faroese del Comitato Sportivo e Olimpico (FCSOC), l’HSF è stata premiata come la migliore federazione sportiva nel 2020.

“La nostra federazione di pallamano ha avuto una grande attività negli ultimi anni, partecipando a tornei internazionali in diverse categorie di età e i risultati sono stati molto buoni. Ciò è dimostrato anche dal fatto che diversi giocatori ora rappresentano il paese in squadre straniere”, ha sottolineato il comunicato stampa della FCSOC.


Negli ultimi dieci anni, la HSF è cresciuta in modo esponenziale, compiendo grandi passi per migliorare sia logisticamente che finanziariamente, moltiplicando cinque volte le entrate e triplicando il numero di dipendenti nei suoi ranghi.
I risultati sono arrivati ​​anche in campo, poiché il piano messo a punto dalla HSF si è tradotto in vittorie nella pallamano sia maschile che femminile.


Uno dei risultati più prestigiosi nei 40 anni di storia della pallamano faroese, è stata la qualificazione per il Campionato del mondo juniores maschile IHF nel 2017, dove le Isole Fær Øer hanno concluso al 16° posto.

Lo sviluppo di base della pallamano faroese è stato anche messo in mostra all’EHF European Open maschile 2019, dove le Isole Fær Øer hanno vinto il torneo, vincendo contro squadre come Norvegia, Spagna, Ungheria e Svezia.


Con diversi giocatori attualmente all’estero, tra cui l’ala destra Hákun West Av Teigum, che gioca per lo Skanderborg e ha segnato 15 gol nel campionato danese in questa stagione, la squadra faroese ha un futuro brillante davanti.
Nella pallamano femminile, le Isole Fær Øer sono ancora in fase di sviluppo, ma sono rimaste a galla contro la potenza europea della Romania nella fase di qualificazione dell’EHF EURO femminile, subendo una sconfitta di 20:25, dopo essere stata in testa all’intervallo, 12:11.
“Siamo onorati e lieti che l’Associazione Sportiva Faroese abbia scelto la Federazione Pallamano delle Isole Fær Øer come la federazione sportiva più importante del 2020. Ci sono così tante persone, sia professionisti che volontari, che si sono impegnati a fondo per portare la pallamano faroese ad un livello superiore negli ultimi anni”, ha dichiarato a ihf.info il presidente di HSF Gunn Ellefsen.
Lo sviluppo dell’HSF è stato costruito su tre idee, creando una solida base che incarna gli aspetti economici, amministrativi e sportivi.
Migliorare il marketing e, quindi, l’adesione di nuovi sponsor è stato cruciale per lo sviluppo economico, mentre la creazione di nuovi posti di lavoro nell’amministrazione ha contribuito a spianare la strada alla parte sportiva.
Attualmente, l’HSF ha 2.600 giocatori attivi dall’età di otto anni fino al livello senior, ovvero il 5% della popolazione, il che significa che la pallamano è il secondo sport più popolare nelle Isole Fær Øer dopo il calcio.


Con molti giovani giocatori che intraprendono lo sport, è stato creato un nuovo programma per trovare atleti di talento, con l’obiettivo di aumentare i giocatori e creare nuove stelle in collaborazione con i club.

Tuttavia, la pandemia COVID-19 ha colpito duramente la pallamano nelle Isole Fær Øer, con i giovani giocatori che non sono riusciti a ottenere l’esperienza internazionale tanto necessaria a questo livello.
“Il 2020 è stato un anno difficile per lo sport, ma abbiamo cercato di sfruttarlo al meglio organizzando tornei extra locali e amichevoli internazionali per i giovani e speriamo di migliorare ulteriormente nel 2021”, ha concluso Ellefsen.

Questo contenuto è solo per la consultazione!