IL PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE EGIZIANA SOSPESO DALL’IHF

Articolo pubblicato sul sito WEB dell’IHF il 25 febbraio 2021.

I regolamenti relativi al COVID-19 per Egitto 2021 e le procedure legali relative al piano di emergenza medica COVID-19 sono stati approvati dal Consiglio IHF il 4 dicembre 2020 e comunicati a tutte le Federazioni Nazionali partecipanti al Campionato Mondiale IHF Maschile 2021. Le Federazioni Nazionali sono state sollecitate più volte dall’IHF a rispettare tutti gli obblighi stabiliti nel Piano di emergenza medica COVID-19 in ogni momento durante il loro soggiorno per garantire che il Campionato del mondo maschile IHF 2021 si svolgesse in un ambiente sano e sicuro per tutti le parti coinvolte.

Le relazioni del Presidente della Direzione della Manifestazione e del Rappresentante IHF nonché la decisione della Commissione Disciplinare relativa al caso del Presidente della Federazione Egiziana di Pallamano, ing. Hisham Nasr, che ha violato il Piano di precauzione medica COVID-19 durante il Campionato mondiale maschile IHF 2021, è stato discusso dal Comitato Esecutivo IHF nella riunione tenuta in videoconferenza il 19 febbraio 2021. I rapporti citati e la corrispondente decisione della Commissione disciplinare affermano che l’ing. Hisham Nasr è passato più volte tra le zone “bolla” e “non bolla” nella zona degli impianti di gioco e ha avuto contatti esterni con persone che non erano nella “bolla”, considerando che era alloggiato in uno degli hotel protetti dalla “bolla” stessa. Al Presidente della Federazione Egiziana, ing. Hisham Nasr, è stato chiesto se voleva ancora far parte della bolla o se preferiva rimanere al di fuori della stessa. Il Presidente ha confermato che voleva rimanere all’interno della bolla.

Il 13 gennaio 2021, l’Ing. Hisham Nasr è passato dalla zona “bolla” a quella “non bolla” partecipando alla tribuna VIP durante la cerimonia di apertura.

Il 15 gennaio 2021, l’ing. Hisham Nasr ha incontrato i rappresentanti dell’ambasciata di Capo Verde ed è passato tra le zone “bolla” e “non bolla” durante la partita HUN-CPV secondo il rapporto del rappresentante IHF Dr Frantisek Taborsky (Repubblica Ceca), che fa anche parte del Comitato Esecutivo IHF.

Il 17 gennaio 2021, Dietrich Späte (Germania), Presidente dell’IHF Competition Management, ha inviato una comunicazione ufficiale all’ing. Hisham Nasr per informarlo delle sue violazioni del Piano di emergenza medica COVID-19 come menzionato sopra. Inoltre, l’ing. Hisham Nasr ha ricevuto ospiti che non rimanevano all’interno della “bolla”, come i rappresentanti del Parlamento, e ha mostrato loro le zone della “bolla”. L’IHF gli ha chiesto una spiegazione sulle violazioni menzionate.

Il 18 gennaio 2021, l’ing. Hisham Nasr ha inviato una lettera all’IHF, confermando che lui e tutti i membri del LOC rispettano il piano di emergenza medica COVID-19. Ha inoltre affermato che nel caso in cui aveva incontrato una persona non presente nella “bolla”, l’interessato aveva effettuato un test antigenico, il cui risultato era risultato negativo.

Il 19 gennaio 2021, il presidente dell’IHF Competition Management, Dietrich Späte, ha riferito di un’altra grave violazione del piano di emergenza medica COVID-19 commessa dall’ing. Hisham Nasr nonostante un precedente avvertimento (comunicazione ufficiale IHF sulle sue violazioni del piano di emergenza medica COVID-19). Durante la partita MKD-CHI del 18 gennaio, l’ing. Hisham Nasr è sceso dall’area VIP (non inclusa nella “bolla”) e ha attraversato il campo di gioco per sedersi nella “bubble zone”. Questo comportamento è stato ripreso più volte dalle telecamere in diretta televisiva. Tutti i delegati IHF hanno ritenuto questo episodio come una violazione delle regole esistenti. Insieme al LOC responsabile dell’arena di gioco, l’ing. Hisham Nasr è stato rinviato allo stand VIP. Il suo comportamento che è considerato una violazione del regolamento del Campionato del mondo in questo momento difficile della pandemia COVID-19, è stata visto da molte altre persone presenti, inclusi gli arbitri IHF, gli ufficiali IHF e il rappresentante IHF della partita in questione. In generale, vari rappresentanti IHF hanno osservato il comportamento di Hisham Nasr più volte.

Sulla base della relazione dell’IHF Competition Management, Dietrich Späte, la Commissione Disciplinare ha studiato il caso e ha deciso il 19 gennaio 2021 di imporre misure di restrizione all’ingresso all’ing. Hisham Nasr. Queste restrizioni riguardavano l’ingresso nelle zone rosse (zone a bolle) dei palazzetti dello sport dove si giocavano le partite del Campionato Mondiale IHF Maschile 2021, nonché nelle zone rosse degli hotel dove erano alloggiati i partecipanti al Campionato del Mondo in questione. La decisione deve essere sottoposta alla Direzione della Manifestazione e al Comitato Esecutivo dell’IHF. La Commissione Disciplinare non ha irrogato alcuna sanzione all’ing. Hisham Nasr (es. Piena esclusione dalla competizione secondo le norme legali del campionato – una sanzione che potrebbe aver avuto un impatto negativo sulla squadra nazionale egiziana), considerando che l’evento in questione è stato organizzato in Egitto. Pertanto, la decisione sulla sanzione è stata lasciata alla discrezione del Comitato Esecutivo IHF.

Come indicato dalla Commissione Disciplinare, l’intera questione è stata presentata al Comitato Esecutivo IHF nella sua riunione tenuta in videoconferenza il 19 febbraio 2021. Tenendo conto delle sue gravi e ripetute violazioni del Piano di emergenza medica COVID-19 durante il 2021 IHF Men’s World Championship, il Comitato Esecutivo ha proposto al Consiglio IHF di sospendere il Presidente della Federazione Egiziana di Pallamano, ing. Hisham Nasr, da tutte le attività di pallamano con effetto immediato fino al prossimo Congresso IHF secondo l’articolo 14.3.27 dello Statuto IHF, che afferma quanto segue:”Il Consiglio ha il diritto di sospendere tutti i soggetti interessati che violano gravemente e ripetutamente i loro obblighi di membri con effetto immediato fino al prossimo Congresso. Il Consiglio darà la possibilità ai membri interessati di presentare le loro argomentazioni e concedere loro il beneficio del dubbio fino a quando i membri non presenteranno le loro difese al Consiglio, dopodiché il Consiglio potrà revocare la decisione e revocare la sospensione.”

Il Consiglio IHF ha preso in considerazione le gravi e ripetute violazioni del Piano di Precauzione Medica COVID-19 commesse dall’Ing. Hisham Nasr, che avrebbe potuto mettere a repentaglio l’organizzazione del Campionato del Mondo, tenendo conto dell’enorme investimento fatto dal governo egiziano nell’attuazione del Piano di emergenza medica COVID-19, con l’obiettivo di ridurre il rischio di trasmissione del COVID-19 e salvaguardare la salute e la vita di tutte le parti interessate coinvolte nel campionato del mondo. Le figure chiave del governo egiziano hanno compiuto sforzi eccezionali per rendere questo evento il miglior campionato mondiale possibile in tempi ritenuti senza precedenti.

Il Consiglio IHF ha anche preso in considerazione il comportamento irresponsabile del presidente della Federazione egiziana di pallamano, che ha di fatto mostrato di non rispettare il Regolamento a tutte le parti interessate che hanno preso parte al Campionato mondiale maschile IHF 2021 in Egitto.A causa di gravi e ripetute violazioni del Piano di precauzione medica COVID-19 durante il Campionato mondiale maschile IHF 2021 da parte del Presidente della Federazione egiziana di pallamano Ing. Hesham Nasr, che avrebbe dovuto essere un modello da seguire, il Consiglio IHF (escluso il Presidente IHF Dr Moustafa, che si astiene sempre dal voto in tutte le decisioni del Consiglio IHF e del Comitato Esecutivo) ha deciso all’unanimità di sospendere l’Ing. Hisham Nasr da tutte le attività di pallamano con effetto immediato fino al prossimo Congresso IHF secondo la proposta del Comitato Esecutivo IHF e in conformità con l’articolo 14.3.27 in combinato disposto con l’obbligo della Federazione Nazionale Egiziana di seguire gli articoli 8.3.a e 8.3. e dello Statuto IHF.

Nota: il Presidente della Federazione Egiziana di Pallamano, ing. Hesham Nasr, ha il diritto di essere ascoltato ai sensi dell’articolo 14.3.27 dello Statuto IHF e di presentare ricorso contro la decisione finale del Consiglio IHF agli organi giudicanti dell’IHF ai sensi dell’articolo 2.2.9 delle Disposizioni legali IHF.

Questo contenuto è solo per la consultazione!