GRAZIE ANCORA

    Vorrei fare alcune considerazioni dopo la maratona elettorale di ieri a Roma.

    Innanzitutto rivolgo le mie più sincere congratulazioni a tutti i componenti il nuovo Consiglio Federale della F.I.G.H.; in futuro, spero che possano svolgere un proficuo lavoro per il bene di tutto il movimento sportivo della pallamano italiana e, in tal senso, auguro loro il massimo successo.

    Voglio fare pubblicamente dei doverosi e sinceri ringraziamenti:

  • ad Andrea Guidotti e Anna Maria Lattuca, per aver condotto numerose battaglie all’interno del Consiglio Federale, con determinazione, abnegazione e passione, a favore di tutta la comunità italiana afferente alla nostra amata disciplina;
  • ai componenti della squadra di “Regola 19”, che si sono sempre prodigati nel suggerire proposte, idee, progetti, programmi e hanno contribuito alla crescita e al successo del nostro movimento politico;
  • a tutti i candidati che hanno creduto nel nostro progetto e hanno messo la faccia per supportare le nostre iniziative a favore del nostro sport;
  • ai presidenti di società e i delegati che ci hanno votato e che, in tal modo, hanno supportato il nostro programma elettorale e i nostri ideali;
  • a tutte le persone che hanno appoggiato, incondizionatamente e senza paura alcuna, le idee messe in campo da “Regola 19”;
  • a tutti gli elettori presenti ieri nella “Sala delle Armi” a Roma, perché, venendo a votare in un momento estremamente critico per il nostro paese, hanno dimostrato di avere particolarmente a cuore le sorti della nostra disciplina in Italia (non me ne vogliano coloro che, per giustificati e importanti motivi, non erano presenti alle votazioni; sono convinto che anche loro si prodigano, sempre e comunque, per il successo della pallamano locale e nazionale).

    Molti in queste ultime ore mi hanno telefonato e mi hanno scritto; la maggiore preoccupazione che avverto è legata al futuro di “Regola 19”. Vorrei tranquillizzare tutti affermando che il nostro lavoro continuerà ancora e, quindi, non si fermerà solo perché abbiamo perso una battaglia.

    In ogni caso è il momento di riflettere molto attentamente e trarre delle doverose quanto opportune conclusioni per comprendere cosa ci riserva il futuro, anche e non solo, sulla base del risultato elettorale. Si tratta, quindi, di capire esattamente in che modo daremo il nostro contributo al mondo dello sport, con quali strategie porteremo avanti la nostra opera e quali obiettivi vogliamo raggiungere; questo lo stabiliremo insieme a tutti i componenti della squadra con cui ho sempre condiviso ogni linea guida da seguire. Per quanto mi riguarda le idee sono molto chiare e le esporrò durante la riunione che faremo a breve. A seguire non mancherà un confronto con tutti coloro che hanno a cuore le sorti della pallamano in Italia: dirigenti, tecnici, atleti e appassionati in genere. 

    Ancora grazie a tutti voi, di cuore!

Stanislao Rubinetti

Questo contenuto è solo per la consultazione!