FARE FUMO

Nel leggere attentamente il “programma di Governo” del Presidente Loria, mi sono venute in mente le parole del nostro Direttore Tecnico delle Squadre Nazionali che, nell’ultimo “time out” della partita con la Norvegia, ha affermato: “In 4a fase, fate fumo”. Penso che i collaboratori del Presidente, nel redigere questo programma, hanno seguito questa indicazione: hanno fatto fumo.

Tralascio l’analisi dei 122 punti relativi alle cose realizzate nel quadriennio scorso perché, per Natale, saremmo ancora qui a discuterne. Una puntualizzazione, da uomo di società, voglio farla:

Punto 7) – Telecamere JVC in comodato gratuito alle società di Serie A

Queste telecamere sono state date in comodato d’uso tre stagioni fa. Le società hanno versato un contributo di 5.000€. Le squadre retrocesse hanno restituito le telecamere (acquistate con il contributo di 5.000€) e si sono trovate con un pugno di mosche in mano. Non era più logico che venissero fornite le indicazioni tecniche delle telecamere e le società le acquistavano in proprio? Ora sono senza telecamera e senza 5.000€. A casa mia, “comodato d’uso” significa gratis.

Passiamo invece ad analizzare gli argomenti che riguardano ciò di cui mi sono interessato in questi ultimi 42 anni di pallamano.

Un macro capitolo è stato dedicato alla “SCUOLA, PROMOZIONE E FORMAZIONE” ma nella successiva parte analitica la promozione come sezione sparisce e vengono presi in considerazione solo i capitoli relativi alla scuola e alla formazione.

IL PROGETTO SCUOLA

Questo è quanto riportato nel programma:

-COME SAREMO

•       Riprendere la interlocuzione con il MIUR al fine di inserire la nostra disciplina nei programmi nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi (scuola secondaria di primo grado)

C’è poco da discutere con il MIUR. Bisogna investire risorse per le Finali Nazionali. Infatti le finali Nazionali vengono svolte solo da quelle discipline le cui Federazioni finanzino la fase stessa. Pertanto questa poteva e doveva già essere realizzata (nei primi cento giorni di gestione federale).

•       Rimodulare il progetto “Pallamano@Scuola” in funzione della nuova realtà che stiamo fronteggiando (COVID), focalizzando gli interventi sulla scuola primaria

Con questo punto si certifica l’inadeguatezza del progetto corrente che è stato partorito, per volontà del Vice Presidente Cenzi, modificando quello proposto inizialmente dalla CNA nel luglio 2017 e dandogli una impostazione di Marketing fuori dalla realtà scolastica. Rimodulare il progetto per fronteggiare la pandemia è una affermazione puerile perché, molte scuole non stanno svolgendo le lezioni di Educazione Motoria e perché si spera, con l’imminente avvento del vaccino, che nella prossima stagione si possa ritornare alla normalità.

•       Confermare e rafforzare la collaborazione con il partner tecnico ed allargare il campo delle partnership al fine di fornire alle ASD supporti sempre maggiori (materiali tecnici) e sostegno finanziario per le attività di promozione

I supporti tecnici dovrebbero essere adeguati al gioco della pallamano. Inizialmente sono state fornite porte idonee al gioco dell’Unihockey.

•       Integrare maggiormente l’attività promozionale con il sistema formativo federale (convenzioni con le facoltà universitarie di scienze motorie, corsi IAP)

Ammetto la mia ignoranza. Non riesco a capire il significato di “integrare”. Il sistema formativo federale deve formare gli Istruttori scolastici secondo le proprie linee guida.

•       Incentivare i programmi promozionali a livello territoriale e far partire il progetto dei Centri-pilota (unico punto del programma 2016/20 non realizzato)

Come mai, in 3 anni e mezzo, i centri pilota non sono stati avviati? È stato nominato un responsabile, sono stati fatti incontri per stabilirne la struttura, ma non si è provato a vedere come realizzarli. A questo punto, dopo vari tentativi, si sarebbe potuta avere una struttura definitiva. Invece siamo ancora alla fase di discussione. Il motivo, non esplicitato, è che non sono state allocate risorse a questo capitolo.

•       Rinnovare il format del “Festival della Pallamano” orientando le attività nel segmento promozionale e scolastico

Il format va rinnovato esclusivamente sul fatto dei costi. Volendolo svolgere a costo zero, sulle società partecipanti vengono riversati i costi di gestione rendendo molto onerosa la partecipazione dei bambini. Costa meno andare all’estero a fare un torneo. Per quanto riguarda le attività da svolgere l’obiettivo deve sempre essere il gioco, codificato o no, strutturato o no, l’importante che i bambini si divertano.

•       Riconfermare la partecipazione ai progetti multidisciplinari cc.dd. CONI/MIUR

•       Costituzione Commissione per nuovo Piano di Azione al fine di raggiungere obiettivi sopra elencati e dare attuazione al progetto dei Centri-pilota su base territoriale

In conclusione viene inserita, tra gli obiettivi del quadriennio, la costituzione di una commissione per il raggiungimento degli obiettivi. Mi sembra un paradosso. Questa dizione, se la avessero inserita nel loro programma, i candidati che in questo momento sono all’opposizione, sarebbe stata concepibile, ma da chi è al governo federale no. Si doveva costituire la commissione un anno fa che avrebbe stabilito gli obiettivi, gli strumenti, i mezzi e quantificato le risorse necessaria per la realizzazione. Se si fosse operato in questo modo non si sarebbe scritto il libro dei sogni con i “segnali di fumo” ma un programma strutturato con capitoli finanziati.

L’ATTIVITA’ DI FORMAZIONE

-COME SAREMO

•       Migliorare le competenze di tutte le componenti professionali del sistema con priorità alla formazione di dirigenti/collaboratori ASD/SSD.

In che modo, sulla base di quali argomenti?

•       Borse di studio in favore di giovani allenatori selezionati per la partecipazione all’Euro Master Coach Program.

Di borse di studi si parlava anche nel perimetro (programma “Young Coach”). Speriamo non facciano la stessa fine: promesse disattese.

•       Accreditare nel Sistema nazionale SNAQ il Corso di Beach Handball.

Basta farne richiesta e la Scuola dello Sport aderisce immediatamente. Perché non è stato fatto in questi ultimi quattro anni?

•       Un corso in ogni facoltà di Scienze Motorie.

Ogni 4 anni si legge nei programmi questo obiettivo. Detta alla Manfredi “Fusse che fusse la volta bona”. Al di là della battuta, la prima cosa che si dovrebbe fare, è far sì che i docenti, nelle facoltà dove già si svolgono questi corsi siano Tecnici aggiornati.

•       Rendere strutturale e continua la formazione dirigenti/collaboratori ASD/SSD e i programmi per gli atleti.

Questa è una ripetizione del primo punto: se si fa formazione, si deve per forza fare aggiornamento. Cosa significa programmi per gli atleti? È un refuso di stampa?

•       Potenziamento della formazione per il Settore arbitrale e soprattutto realizzazione di un piano per il reclutamento di nuovi arbitri.

Qui c’è tanto da lavorare. L’unico consiglio che mi sento di dare è che si designino i commissari anche nei campionati minori dove si assistono ad interpretazioni regolamentari personalizzate.

•       Introduzione di corsi per preparatori atletici specializzati.

Speriamo non restino sulla carta.

•       Potenziamento Commissione federale atleti: 2 consiglieri federali + 3 nominati + 1 rappresentante associazione atleti + rete sul territorio attraverso delegati regionali atleti.

•       Associazione Giocatori Pallamano: assistenza e costituzione dell’associazione da parte della CFA e degli uffici legali della federazione.

•       Sinergia CFA/Associazione Giocatori/Lega per predisposizione e obbligatorietà deposito contratto.

  • Progetto sponsoring personalizzato per atleti Azzurri

•       Creazione del marchio “iogiocoapallamano”

Cosa c’entrano tutti questi argomenti nel capitolo “Formazione”?  Sono refusi?

•       Seconda fase progetto “dual career” Unicattolica.

Bene.

Siamo arrivati in fondo al capitolo formazione e non sono state indicate le strategie per la formazione degli allenatori.

Cosa significa? Che ne abbiamo già abbastanza e di qualità? Che i corsi che si stanno realizzando sono esaustivi?

Forse si crede che essi crescano come i funghi in modo casuale e spontaneo?

Nei miei studi di storia, al liceo, mi hanno insegnato che i regimi totalitari sono contrari alla cultura perché le persone colte sono pericolose. A lungo andare potrebbero scalzare i gerarchi. Meglio mantenerle ignoranti, così non sono pericolose.

Tutte le componenti in precedenza nominate (Dirigenti, arbitri, giocatori), sono elementi importanti per lo sviluppo della pallamano, ma chi opera nelle scuole e nelle società sono gli allenatori/istruttori.

Non investire sulla formazione degli allenatori e come legare le ali al possibile sviluppo del gioco. Evidentemente vogliamo continuare a recitare il ruolo di Cenerentola.

Agendo in questo modo, continueremo a “FARE FUMO”.

Luciano Bartolini

Questo contenuto è solo per la consultazione!