PROVIAMO AD APRIRE GLI OCCHI?!

Nel maggio del 2015 venni contattata da Pasquale Loria, da lì a poco avrebbe presentato la propria candidatura a Presidente della FIGH; rimasi sorpresa ed entusiasta della chiamata, finalmente un cambiamento con tutte le migliori premesse (promesse?), “il Perimetro della Pallamano”. Abbracciai a piene mani il progetto presentato il 22 maggio 2015, ci ho creduto:

  • valorizzazione delle risorse nazionali, nessun “papa straniero”,
  • valore ai territori e ai club, lavoro d’insieme,
  • cariche per merito e ”mai calate dall’alto”,
  • attenzione ai club-persone, condivisione,
  • investire sulla promozione di base, scuola, attività giovanile, centri d’eccellenza, sulla comunicazione.

Beh, il seguito lo conosciamo, o non vogliamo vedere?! Dopo un inizio davvero scoppiettante ed entusiasmante, piano piano ritornano i vecchi problemi:

  • personaggi sollevati da un incarico, che rientrano sotto nuove spoglie, “papi stranieri”,
  • territori commissariati da figure “calate dall’alto”,
  •  incarichi a persone lontane dalla pallamano ma vicine a chi conta,  
  • club “minori” ignorati completamente,
  • risorse di investimento, destinate allo sviluppo della base (scuole e formazione), ridotte al minimo, programmazione inadeguata dell’attività giovanile.

Dove sono finite le risorse finanziarie a disposizione, è lecito saperlo? Le salatissime tasse d’iscrizione e di svolgimento del campionato 2019-2020 che sono state anticipate, non avreste preferito riceverle indietro, piuttosto di vedere alcune voci in vademecum con l’asterisco (* – quest’anno non si pagano)?!

Avete letto bene il vademecum 2020-2021, avete notato che nelle scritte “piccoline” ci sono delle “sorprese”?!

Chi mi spiega come può accadere che una società di A2 maschile riceva un contributo di €1400/trasferta per la Sicilia mentre una squadra di A2 femminile per la stessa trasferta riceva un contributo di €500/trasferta: mi sfugge qualcosa? Le donne hanno tariffe speciali per le tratte aeree?! Anche se ciò non riguarda la vostra società, vi sembra giusto?

E ancora €30 da pagare per ogni iscritto a referto?! Mah, non volevamo incrementare il numero degli atleti praticanti?!

E “l’obbligo”, nei concentramenti nazionali, di aderire alle “convenzioni” alberghiere?!

Riassunto degli ultimi 3 anni e mezzo:

  • numero praticanti calato,
  • nonostante il magnifico risultato della Squadra Nazionale U18M e sebbene abbiamo degli atleti/e che ben figurano all’estero, le nostre nazionali sono slittate in basso nel “ranking” internazionale,
  • numeri relativi alla pallamano femminile in continuo calo.

Vogliamo parlare della comunicazione?!

  1. Ma chi guarda le nostre partite in WEB streaming (quando si vedono …)? Quelli che già sono dei nostri, ma come facciamo a farci conoscere da chi la pallamano non l’ha mai vista né mai la vedrà! Quanti soldi hanno dovuto spendere le società per queste riprese che restano una specie di “ricordo di famiglia”?
  2. Mi viene l’orticaria tutte le volte che sento alcuni commentatori/conduttori incompetenti usare termini che con la pallamano non c’entrano niente!! “Percussione”?? “Attacco di movimento”?? “Volante”?? Per non parlare dei cognomi storpiati e delle interpretazioni completamente fuori tema della segnaletica arbitrale.

Vi sembra che tutto l’apparato federale si muova come il buon padre di famiglia? A me sembra che le attenzioni sono strettamente rivolte ai “preferiti” lasciando la gran parte delle società come “figlie di un dio minore”; alcuni non potranno partecipare all’Assemblea elettiva del Presidente FIGH del 7 dicembre p.v., “esclusi dal voto” perché al 4 ottobre non erano ancora iscritti al campionato (quando il termine d’iscrizione per alcuni campionati era il 30 ottobre), altri “esclusi dal voto” perché non hanno fatto attività federale nella stagione 2019-2020; grazie, ma se la FIGH non organizza un campionato di pallamano in carrozzina  sarà difficile che atleti disabili si iscrivano a dei campionati!! Certo sono piccoli numeri, ma è proprio qui che il buon padre di famiglia si distingue, non lasciando indietro nessuno.

Volete qualche numero? Negli ultimi 15 mesi, circa 35 persone con incarichi federali hanno dato le dimissioni oppure sono state allontanate dalla FIGH: persone di qualità ed esperienza innegabili! Non è un campanello d’allarme questo?!

Assemblea elettiva del 7 dicembre p.v.; ma lo abbiamo un PIANO B?! Che qui non si può uscire di casa, dalla regione; forse non sarebbe meglio far slittare la data, oppure ipotizzare delle votazioni alternative, online? Regione per regione? Anche se devo dire che la cosa non mi rassicura viste le ultime votazioni dei rappresentanti dei tecnici e degli atleti, elezioni che, almeno per esperienza personale, hanno lasciato dei dubbi sulla loro trasparenza e correttezza. Qui posso parlare per esperienza diretta, io c’ero, “ho visto cose che voi umani …”, e voi?  Ci avete fatto caso, vi è mai capitato in sede di elezioni di trovarvi a votare in presenza di persone che non fossero parte del collegio di seggio? Lo sapete che una volta passate le elezioni, nessuno più vi darà ascolto?!

Ciao, ciao, pallamano femminile. Ciao, ciao, società di serie A2, di serie B, di attività giovanile. Ciao, ciao, sogni di “cambio di passo” …

Concludo: io non capisco niente di politica né mai ne farò parte, ho un bellissimo lavoro con regolare stipendio, non campo con la pallamano ma ce l’ho nel DNA e soffro a vederla andare a picco. Ho deciso di appoggiare la candidatura di Stanislao Rubinetti ed il suo “team”, perché ci sono persone competenti, perché ci sono persone che non hanno nulla da guadagnare per il proprio orticello a differenza d’altri.

Io non ho nessun voto in mano, ma voi che avete un voto da esprimere, fatevi qualche ragionamento, volete cominciare a fare parte di una famiglia che ricomincia a lavorare dalla base e per tutti, o preferite rimanere “figli di un dio minore” e litigare per le ossa che i banchettanti vi lanciano?!

Brigitte Grandia