BILANCIO CONSUNTIVO F.I.G.H. 2019

Le letture dei verbali delle riunioni del Consiglio Federale riservano sempre spunti di riflessione interessanti; rimaniamo sempre colpiti dai contenuti di questi documenti e spesso ci viene il dubbio se rispecchino la realtà (vera, non virtuale) delle condizioni in cui versa il nostro movimento sportivo.

          Veniamo al dunque e riportiamo alcuni stralci del verbale della riunione consiliare del 28 giugno 2020.

          Si scrive di relazioni redatte da dirigenti federali e organi di controllo vari “  tutte convergenti in una valutazione assolutamente positiva dell’esercizio finanziario chiuso lo scorso 31 dicembre. Evidenzia come il bilancio 2019 restituisca il quadro di una federazione che sempre più va consolidandosi, tra l’altro confermando un ottimo equilibrio strutturale tra costi per attività sportiva e per funzionamento.

          “E’ evidente come un risultato del genere – …., confermi lo stato di salute della federazione anche dopo un biennio iniziale caratterizzato da importanti investimenti per consentire un effettivo rilancio del movimento.

          E quindi? Va tutto bene? Siamo in splendida forma? Tutto va a gonfie vele? C’è stato un effettivo rilancio del movimento?

          Sinceramente noi, che abbiamo i piedi ben saldi sulla terra delle realtà locali, non vediamo tutto questo rilancio. Anzi tenuto conto del fatto che, negli ultimi tre anni, il numero di tesserati, di società, di squadre senior e di squadre giovanili È DIMINUITO (dati inoppugnabili), siamo nella direzione opposta, stiamo scendendo lungo una china pericolosa.

          E per finire:” Il consigliere Rubinetti comunica il proprio voto contrario per i motivi indicati nelle lettere del 27.11.2019, 11.12.2019 e 16.01.2020. Il Consiglio Federale, a mezzo appello nominale del Segretario Generale, approva a maggioranza il bilancio consuntivo 2019, con il voto contrario dei consiglieri Guidotti, Lattuca e Rubinetti, per i motivi in precedenza esposti da parte di quest’ultimo.

          E cosa dicono queste lettere? Perché non sono allegate ai verbali delle riunioni consiliari? Perché non sono pubblicate? Perché non si dà modo a tutti di leggere quanto riportato nelle stesse?

            Il contenuto delle lettere è molto semplice: si richiede l’accesso e la copia documentale di atti e documenti al fine di consentire ogni opportuno approfondimento per l’utile e consapevole partecipazione sia alle sessioni di bilancio sia alla gestione della Federazione, in dipendenza ed in attuazione degli obblighi gravanti anche personalmente su ciascun Consigliere.

          In altre parole, tre Consiglieri Federali hanno chiesto, più volte, di verificare il contenuto di particolari documenti che, evidentemente, potevano consentire loro di avere maggiore contezza riguardo al bilancio economico da discutere in sede di riunione consiliare ed eventualmente di poterlo approvare.

          Conclusione: i tre Consiglieri di cui sopra non hanno approvato il bilancio 2019 perché non è stata concessa loro la possibilità di consultare i documenti suddetti.

          Tutto sommato, questa situazione non è proprio un particolare da trascurare, o no?

Stanislao Rubinetti

Anna Lattuca

Andrea Guidotti