Norme campionato under 19- YOUTH LEAGUE. (parte 1)

di FABRIZIO FIUMICELLI

Buongiorno a tutti.

Mi chiamo Fabrizio Fiumicelli e sono il responsabile tecnico del settore
giovanile del G.S.D.PALLAMANO SPALLANZANI CASALGRANDE. Mi occupo della promozione della pallamano nelle scuole, della programmazione tecnica e
fisica delle squadre giovanili della società da settembre 2011.

Scrivo questo articolo come richiesta d’aiuto.

il vademecum 2020-21 recita testualmente “UNDER 19-YOUTH LEAGUE.
Possono partecipare gli atleti/e nati/e dal 1° gennaio 2002 in poi. Possono altresì partecipare – eccezionalmente per la sola presente stagione – gli atleti nati nell’anno 2001.” Di fatto è un campionato u20 e
non un campionato u19 e la differenza non può essere solo di nomenclatura.

Deduco che l’inserimento dell’annata 2001 al campionato u19 sia per far fronte al mancato termine del campionato scorso e che dia la possibilità all’annata 2001 di terminare il periodo formativo delle
giovanili prima di affrontare il mondo SENIOR.

Un’azione, quella della federazione che mi troverebbe d’accordo, ma:

1-si viene a creare una categoria giovanile che comprende 3 annate differenti: non mi dilungo a elencare considerazioni psicologiche, tecnico-tattiche, anatomiche, morfologiche che sono abbastanza ovvie a
chi abbia seguito un campionato giovanile.

2-I nati nel 2003 avrebbero non una ma due annate più grandi da
scavalcare per guadagnarsi un posto in squadra. Che tipo di crescita si
prospetta questa stagione per questi giovani giocatori?

3-I nati nel 2002 dalla stagione sportiva 2016-17 sino alla fine del
prossimo campionato 2020-21 (sono 5 stagioni!) avranno giocato al
limite di categoria solamente nell’annata 2018-19 mentre nelle altre quattro
stagioni (a causa dell’allineamento delle categorie giovanile agli
standard europei) avranno sempre giocato con compagni più grandi.
Avremo quindi un’annata che uscirà dalle giovanili senza essere mai
stata (se non nel 2018-19) veramente protagonista dei propri
campionati.
Quale tipo di crescita avremo dato a questi giocatori?

Sono 3 punti che sulla bilancia, a mio parere, pesano molto di più che
la premessa iniziale di completare la formazione dell’annata 2001
(premesso che sia questo l’obbiettivo di questa norma).

Ho però una proposta: se l’obiettivo di tale norma è indirizzata per
il completamento della crescita sportiva dei giocatori nati nel 2001,
perché non permettere di far giocare quei giocatori nell’under19 che ne
hanno realmente bisogno limitandoli al campionato giovanile? Chi invece
venga deputato pronto (dai propri allenatori, dalla propria società) al
salto nel mondo senior è giusto che abbandoni il settore giovanile
senza possibilità di ritorno in modo da poter dare spazio e una
crescita maggiore a chi per età ne ha diritto.

Chiedo aiuto a tutti quelli che hanno un minimo di competenze tecniche
per confermare o smentire sia la premessa che le considerazioni che
sono del tutto personali e dettate dall’esperienza sul campo e gli studi
della mia gioventù.