Buon giorno a tutti

Oggi vogliamo mettere a confronto due documenti che sono stati pubblicati recentemente.

Il primo è stato inviato a tutte le società dalla Segreteria Generale (?) della FIGH in modo da fornire “ … una presentazione riassuntiva degli step affrontati dalla FIGH nel fare fronte alla emergenza sanitaria Covid-19, delle decisioni assunte e delle misure poste in essere a sostegno del Movimento.”

Il secondo è un articolo pubblicato ieri sul quotidiano “La Gazzetta dello Sport” a firma del giornalista Stefano Arcobelli.

In particolare, da questo servizio giornalistico, si riporta testualmente:

“La Giunta del Coni ha dato il via libera – aggiunge -, anzi ha invitato tutti gli organismi sportivi, a trasferire tutte le voci presenti nel bilancio preventivo per la preparazione olimpica, vale a dire per l’alto livello, a favore dell’associazionismo, dunque delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche. Qualche Federazione l’ha già fatto. Ora c’è un preciso indirizzo del Coni su cui vigileremo. Del resto molti eventi sono impossibili da organizzare, vista la situazione. Abbiamo inoltre deciso che il 50% del patrimonio che fa capo agli enti regionali del Coni, circa 5 milioni, sarà utilizzato per l’associazionismo sportivo: credo sia un segnale importantissimo, il Coni non chiuderà il bilancio in utile ma, data la straordinarietà della situazione, la riteniamo una cosa giusta, apprezzata dal ministro e anche dai membri della Giunta. Molte manifestazioni e molti impegni come l’Olimpiade che erano a carico del Coni non sono possibili da praticare e quindi a cascata trasferte, ritiri, ritiri, premi, integrazioni di giudici, arbitri, commissioni tecniche ecc. tutte devono essere trasferite. Qualche federazione l’aveva portata avanti, ora c’è una precisa presa di posizione del Coni, su cui noi vigileremo”.

Nella seconda parte di questo articolo pubblicheremo alcune considerazioni in merito al confronto tra i due documenti di cui sopra.