Master: in ricordo di Lavini e Scozzese

In una domenica di fine ottobre ci è sembrato di tornare indietro nel tempo: facce note e scudettate, la stessa passione e il fisico un po’ meno tirato, ma negli occhi la stessa voglia di lasciare il pallone alle spalle del portiere.
Siamo a Roma, zona Eur in via Leonori al PalaToLive e in campo sono scesi i Master, gli eroi di una pallamano che fu, quella che ci ha fatto sognare quando in campo scendeva la Cividin Trieste o la Trentingrana Rovereto, l’Ortigia Siracusa o il Tor di Quinto.

E proprio in memoria di Giancarlo Lavini e Andrea Scozzese, due ragazzi che con il Tor di Quinto si erano sudati la serie A sul campo della Farnesina oggi abbandonato, dopo 4 promozioni (…4!) filate, è stato dedicato questo torneo Master, riservato a uomini e donne over 40.

Sei le squadre in gara con veri pezzi di storia dell’handball nostrano: Roma, Abruzzo, Portugal, Macf, Brno, Trieste. E davanti a centinaia di vecchie glorie e addetti ai lavori ha avuto la meglio la squadra di Roma.
Un tuffo nel passato che ci fa sognare. Un tuffo nei ricordi per sperare che la nostra pallamano riesca a forgiare altri campioni come quelli, insuperati, del passato.